The first

                                       omblog_1.jpg

 

Welcome! Here begins my adventure. This blog is done mainly to publish inspirational articles about eastern culture and to share tricks and tips to upgrade the techniques of painters who aspire to get a little more near to the classical masterpieces or just for experimenting and have fun, or to admire the know-how of classical painters of the past. I used some of these recipes to create beautiful effects, so i guess it is worth sharing with everybody. 

Everything comes directly from an old Art Manual published in Italy at the beginning of the previous Century; I received this old book from an old decorator/carpenter but an artist too, who kept it safely from his father's time. Nobody has something similar in the Fine Arts Academy, and even professors don't know many of the things revealed there... The italian language of this book is very old fashioned and I will try my best to translate it into english and hope to get all the definitions and the artistic recipes correctly. Thanks for reading! Hope you will enjoy. 

I will also try to share my experiments with modern materials and contemporary new way to creat art.

PS: If you can read Italian I will publish the original text below the English one! Thanks for reading...

 

Colors in oil painting

Colors should be chosen only between the fixed ones (ie between those colors considered solid because they are not changing after exposure to sun and air) and limiting the colors to those strictly necessary. At this regard we recall that one of the main factors contributing to the preservation of antique paintings is the limited number of colors used in those times.

Below is a list of colors that can be safely used  in the oil painting:

 

White: zinc white, silver white, titanium white

Yellow: light yellow, medium and dark cadmium yellow

Browns: ocher and other light and dark ocher

Red: Vermilion (or red cinnabar), cadmium red, english red, garland or goblet lacquers

Blue: Cobalt blue, blue ultramarine (light or dark)

Green: emerald green, cobalt green, ocher green,

Black: Ivory black and black vines

Bruno: Bruno vibert, brown of Mars, brown Madder, brown Van Dyck

Purple: Cobalt Purple, mineral Purple

 

Complementary colors

There are two colors, the primary and the secondary, which mixed together form a neutral shade.

For example, yellow and purple are two complementary colors. In fact we know that in order to form the neutral shade (gray) three colors are needed (yellow, blue, red); if we take yellow, what is missing in yellow to form gray? It is purple and therefore yellow and purple are complementary. So red and green are complementary, and blue and orange are complementary too.

If two complementary colors are painted near each other, they give rise to a noticeable contrast, especially if the two colors are pure and in wide spaces. They exalt each other with extraordinary intensity. If, instead, the two complementary colors mingle or overlap, the resulting color is a gray that acquires greater and varied preciousness depending on the complementary colors used. If this gray will be cleared with white, we will get greater richness of tone than the gray obtained with the simple use of black and white.


Color Contrasts

All the colors we observe determine in our visual sensitivity, a complex of phenomena that you need to know. The main of these phenomena are given by the so-called subsequent contrast and simultaneous contrast.

 

Subsequent Contrast - This is the phenomenon produced by colors seen subsequently, If we stare a red disk intensely and then look at a white paper, we will see a green disk (complementary to red) appear on the paper. Conversely, staring at a green disk we will then see red. If the disk was blue we would see an orange image, and if it was yellow it would look like a purple disk.

Simultaneous Contrast – This definition is the effect produced by colors observed at the same time, simultaneously. For example: a strip or a gray paper disk over a colored red background, will appear as the complementary color of the background (green). If the bottom rather than red was green, the disk would look red-violet.

From the examples described above, the eye, looking at a color, tends to see its complementary color and in the case of two colors seen at the same time, the complementary of one color modifies the color of the other. The contrast between colors is more evident as much greater the depth of the background is.

Of the various phenomena of contrasts is mentioned in the famous Treaty of Painting of Leonardo da Vinci, in which he said:

"Of the colors of equal perfection, the one that will show greater excellence is the one seen in the company of the opposite color, pale with red, black with white, blue and yellow, green and red, because each color is best known in its opposite rather that in its similar one, as in the clear, the clear in the dark.

Let's summarize the most important observations on these phenomena:

1) the complementary colors make each other more brilliant, such as red and green, yellow and purple, blue and orange

2) Colors that are similar tint get a dirty and less intense appearance. Practically you should never paint fabrics of the same color as these will appear dirty. Instead, you have to alternate each color with its complementary or a color to this very close.

3) Two different tones of the same color make the two tones appear lighter and darker respectively.


Contrasts in nature's effects

Nature offers beautiful colors in the beautiful sunset scenery. So when the clouds get very red, the sky appears almost green. When then the sky assumes a greenish yellow color, the distant mountains appear violet and the contrast is reflected in the nearest volumes like the furrows of a field and the shadows of trees that will appear blue or violet.

One of the most common contrast effects and among the first ones observed was the color that shadows in white bodies (like the snow) during sunset. The brighter parts take a red coloring and the shadows tinge of complementary color, ie dark blue and greenish blue.

 

Effects of contrast between bodies and shadows

In general, all the shadows tinge with the complementary color of the body to which they belong, especially if they are small and in sharp contrast to the illuminated parts.

For this fundamental and scientific phenomenon, great painters such as Titian, Paolo Veronese, Rubens, have masterly been able to infuse shadows with all the necessary transparency as opposed to the brightness of the illuminated parts.

Painted shadows with the complementary color of remote illuminated parts by addition can result in the blending of the two colors and make the painting brighter.

An example of this phenomenon is found in the central dome of the library in the Luxembourg Palace in Paris, relatively obscure. In it, Delacroix, a famous French painter, was able to obtain nudes of a brightness and delicacy that could be admired only by means of certain shots of painted green appropriately positioned in the dark.

 

Importance of contrasts in painting

To know the contrasts between colors is of great practical importance for a painter. We can then find:

1) If we look at a colored object for a given period of time the eye acquires the tendency to see its complementary color (subsequient contrast).

For example, if one is to paint an intense tone of fabric or cloth, the eye will observe that red for a long time, as a result he will see the green color that blending with red will change it, and the painter will struggle to unnecessarily copy the exact reproduction that we can only find resting the eye by suspending the work and the vision of that red fabric.

You should never look too long at one or more colors if we do not want them to appear distorted and altered. It is for this phenomenon that after long working on a painting, the artist remains often unsatisfied with his colors, but returning to his easel with a fresh eye, he will be surprised by the purity of the colors that had previously seemed dirty and blurred.

2) If we look at two colored objects at the same time, each of them does not appear by its particular color but by its special color derived from the complementary color of the other object (simultaneous contrast).

Regarding this contrast phenomenon, for example: if we have to paint a red cloth leaning on a blue cloth, due to their contrast, the red will look like orange and the blue, because of the red, will look blue-greenish. Knowing these visual variations, it is enough to reproduce the red and blue cloth in their exact colors as they are, without altering them, leaving the phenomenon itself reproducing in the painting.

 The Bellotti said:

"What is the orange-red seen in a room of mediocre brightness, compared to the intensity and brilliance of the sunsets? What is the purest white in front of that on a sunlit surface? Yet we must be able to represent a sunset, to portray a caravan in the desert under the rays of the burning sun, with the bedouins wearing a white mantle. It remains to objectively reproduce the subjective phenomena of the eye itself; this will make us believe in a coloring power that does not really exist and will serve to mask, at least partially, the inferiority of our imitation. ''

 ------------------------------------

ITALIANO

 

 

I colori nella pittura a olio

I colori devono essere scelti solamente tra quelli fissi (ossia tra quei colori considerati solidi perchè se esposti al sole e all'aria non si alterano) e limitandoli a quelli strettamente necessari. Ricordiamo a questo proposito che uno dei fattori principali che contribuì alla conservazione delle pitture antiche è dato dal numero limitato delle materie coloranti che si usavano in quei tempi.

Qui di seguito una lista di colori che si possono usare con tutta sicurezza nella pittura ad olio:

Bianco: bianco di zinco, bianco d'argento, bianco di titanio

Giallo: giallo di cadmio chiaro, medio e scuro

Terre: ocra e altre terre chiare e scure

Rosso: Vermiglio (o rosso cinabro), rosso di cadmio, rosso inglese, lacche di garanza o di robbia

Azzurro: Blu di cobalto, blu oltremare (chiaro o scuro)

Verde: verde smeraldo, verde cobalto, terra verde,

Nero: Nero avorio e nero vite

Bruno: Bruno vibert, bruno di marte, bruno Madder, bruno Van Dyck

Purple: viola di cobalto, viola minerale


Colori complementari

Sono due colori, uno principale e uno secondario, che mischiati formano la tinta neutra.

Ad esempio il giallo e il viola sono due colori complementari. Infatti sappiamo che per formare la tinta neutra (grigio) occorrono tre colori (rosso giallo e azzurro); se prendiamo il giallo, cosa manca al giallo per formare il grigio? E' il viola e quindi giallo e viola sono complementari. Così sono complementari il rosso e il verde, e sono complementari anche azzurro e arancio.

Se due colori complementari vengono accostati determinano un contrasto di notevole violenza tanto più se i due colori vengono avvicinati puri e in larghe campiture. Si esaltano a vicenda con straordinaria intensità. Se invece i due colori complementari si mescolano tra loro o si sovrappongono, il colore che ne risulta è il grigio che acquista maggiore e variata preziosità a seconda dei colori complementari usati. Se tale grigio verrà schiarito con del bianco otterremo maggiore ricchezza di toni rispetto al grigio che si ottiene col semplice uso di bianco e nero.


Contrasti dei colori

Tutti i colori che osserviamo determinano nella nostra sensibilità visiva un complesso di fenomeni che è necessario conoscere. I principali di questi fenomeni sono dati dal cosiddetto contrasto successivo e contrasto simultaneo.

 

Contrasto successivo- E' il fenomeno prodotto da colori veduti successivamente, Se fissiamo un disco rosso intensamente e poi guardiamo un foglio di carta bianca, vedremo apparire sul foglio un disco verde (complementare del rosso). Viceversa, fissando un disco verde vedremo poi il rosso. Se il disco fosse azzurro vedremo un'immagine arancione, e se fosse giallo apparirebbe un disco viola.

Contrasto simultaneo- Chiamasi così l'effetto prodotto da colori osservati allo stesso tempo, simultaneamente. Ad esempio: una striscia o un disco di carta grigio sopra un fondo colorato di rosso, apparirà del colore complementare del fondo ovvero il verde. Se il fondo anzichè rosso fosse verde, il disco apparirebbe rosso-violaceo.

Dagli esempi sopra descritti risulta che l'occhio, fissando un colore, tende a vedere il suo colore complementare e nel caso di due colori visti allo stesso tempo, il complementare di uno modifica la tinta dell'altro. Il contrasto tra colori è tanto più evidente tanto più è grande l'ampiezza del fondo.

Dei vari fenomeni dei contrasti si fa menzione nel noto Trattato della pittura di Leonardo da Vinci, nel quale è detto:

''Dei colori di egual perfezione, quello si dimostrerà di maggiore eccellenza che è veduto in compagnia del colore contrario, ed il pallido con il rosso, il nero col bianco, azzurro e giallo, verde e rosso, perchè ogni colore si conosce meglio nel suo contrario che nel suo simile, come nel chiaro, il chiaro nello scuro.

Riassumiamo le più importanti osservazioni su questi fenomeni:

1) i colori complementari si rendono a vicenda più brillanti, come ad esempio il rosso e il verde, il giallo e il viola, azzurro e arancio

2)I colori che si assomigliano nella tinta acquistano un aspetto sporco e meno intenso. Praticamente non bisogna mai mettere vicino stoffe dello stesso colore perchè queste appariranno sporche. Si deve invece alternare ciascun colore col suo complementare oppure con colori a questo molto vicini.

3) Due diversi toni dello stesso colore fanno apparire i due toni rispettivamente più chiaro e più scuro.


Contrasti negli effetti naturali

La natura ci offre, nelle splendide colorazioni del tramonto, degli esempi bellissimi di contrasto. Così quando le nuvole si arrossano molto, il cielo appare quasi verde. Quando poi il cielo assume un colore giallo verdastro, le montagne lontano appaiono di color violetto e il contrasto si riflette nei volumi più vicini come i solchi di un campo e nelle ombre degli alberi che appaiono azzurre o viola.

Uno degli effetti di contrasto più comune e fra i primi che furono osservvati si trova nel colore che assumono le ombre dei corpi bianchi (come la neve) durante il tramonto. Le parti più illuminate prendono colorazione rosse e le ombre si tingono di colore complementare ovvero azzurro scuro e verde azzurro.

 

Effetti di contrasto tra corpi e ombre

In generale tutte le ombre si tingono del colore complementare del corpo al quale appartengono, specialmente se sono poco estese e in marcata opposizione con le parti illuminate.

Per questo fenomeno fondamentale e scientifico, grandi pittori come Tiziano, Paolo Veronese, Rubens, hanno saputo magistralmente infondere alle ombre tutta la necessaria trasparenza in contrapposto alla vivacità delle parti illuminate.

Le ombre dipinte col colore complementare delle parti illuminate a distanza può dar luogo alla mescolanza dei due colori per addizione e rendere più luminoso il dipinto.

Un esempio di questo fenomeno lo si trova nella cupola centrale della biblioteca nel palazzo di Lussemburgo a Parigi, relativamente molto oscura. In essa, Delacroix, celebre pittore francese, ha potuto ottenere dei nudi di una luminosità e delicatezza ammirabili soltanto per mezzo di certi colpi di verde dipinti opportunamente negli scuri.


Importanza dei contrasti nella pittura

La conoscenza dei contrasti tra colori, nel dipingere ha molta importanza pratica. Possiamo quindi rilevare:

1) Se guardiamo un oggetto colorato per un dato periodo di tempo l'occhio acquista la tendenza a vedere il suo colore complementare (contrasto successivo)

Ad esempio se si deve dipingere dal vero una stoffa di tono acceso, avverrà che l'occhio guardando a lungo il rosso, di contrasto vedrà nascere il colore verde che mescolandosi al rosso lo modificherà, e il pittore si sforzerà inutilmente, di copiare l'esatta riproduzione che potremo ritrovare solo riposando l'occhio sospendendo il lavoro e la visione di quella stoffa.

Non si deve mai guardare troppo a lungo nè uno nè più colori se non vogliamo che essi appaiano smorti e alterati. E' per questo fenomeno che dopo aver lavorato a lungo ad un dipinto, l'artista rimane spesso insoddisfatto dei suoi colori, ma ritornando al cavalletto con l'occhio fresco, resta sorpreso della purezza delle tinte che prima gli erano sembrate sporche e offuscate.

 2) Se guardiamo due oggetti colorati nello stesso tempo, ognuno di essi non appare dal suo colore particolare ma dal suo colore speciale derivato dal colore complementare dell'altro oggetto (contrasto simultaneo)

Per questo fenomeno di contrasto ad esempio: se dobbiamo dipingere una stoffa rossa appoggiata su una stoffa azzurra, a causa del loro contrasto la toffa rossa sembrerà arancio e l'azzurro a causa del rosso, sembrerà azzurro-verde. Conoscendo queste variazioni visive, sarà sufficiente riprodurre la stoffa rossa e azzurra nelle loro esatte tinte senza alterazione, lasciando che il fenomeno stesso venga a riprodursi nella pittura.

 

Il Bellotti disse:

''Che cos'è il rosso arancio visto in una stanza di mediocre luminosità, paragonato a quello così intenso e brillante dei tramonti? Che cos'è il bianco più puro di fronte a quello su una superficie illuminata dal sole? Eppure dobbiamo riuscire a rappresentare un tramonto, a ritrarre una carovana nel deserto sotto i raggi del sole infuocato con i beduini col mantello bianco. Non rimane che riprodurre obiettivamente i fenomeni soggettivi dell'occhio stesso; ciò farà credere ad una potenza di colorazione che non esiste realmente e servirà a mascherare almeno in parte, l'inferiorità della nostra imitazione.''